Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per ottimizzare la tua esperienza online e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le tue preferenze relative ai cookie, autorizzi l’uso dei cookie da parte nostra.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Per saperne di piu' Approvo

Continua anche a Ottobre l’interesse di Allestire, rivista specialistica per gli allestitori, per EyeDream 3D, la nuova tecnologia di visualizzazione olografica tridimensionale che non richiede l’uso degli occhiali 3D. In seguito all’evento del marchio di abbigliamento Freddy, con cui Emmegi ha introdotto nel mercato la tecnologia 3D, il periodico ha approfondito ancor di più gli ambiti di utilizzo e i possibili progressi futuri del sistema di proiezione olografica EyeDream 3D. Tra le molteplici opportunità, vengono evidenziate quelle relative alla comunicazione in ambito aziendale, come la possibilità di tenere una conferenza in diverse location contemporaneamente, ma con il medesimo relatore che, a migliaia di chilometri di distanza dal pubblico, può essere presente in tre dimensioni e con proporzioni reali. Mostre, musei, concerti, eventi sportivi e teatrali sono solo alcune delle possibilità che offre il sistema di proiezione olografica Eyedream 3D: c’è ancora molto da esplorare, inventare, sperimentare.

Rivista Professionale Audio Video Digital Signage EyeDream 3D EmmegiPer la prima volta il magazine di riferimento dei professionisti e degli appassionati di tecnologia ospita Emmegi e nel numero di aprile, dedicato interamente al Digital Signage, è stato interpellato il suo Amministratore Unico, Mario Parini. L’incontro fra Parini e Chiara Benedettini, Presidente e Editor in Chief di Connessioni, è avvenuto a seguito della curiosità che ha mosso la giornalista ad arrivare fino a Nerviano per scoprire qualcosa di più su EyeDream 3D. Dallo stupore per questa nuova tecnologia è iniziata una piacevole chiacchierata in cui Parini ha raccontato la lunga storia dell’azienda, che ha invogliato la Benedettini a inserire l’opinione dell’imprenditore fra quelle di altre grandi aziende, al fine di approfondire lo stato attuale del mercato del DS e scandagliarne possibili scenari futuri. Connessioni ha inoltre voluto dedicare uno speciale a EyeDream 3D (pp. 42-43). Dice in merito Parini: “Frutto delle nostre recenti ricerche è Eyedream 3D, un sistema di proiezione olografica che non necessita dell’uso degli appositi occhiali. È una tecnologia altamente spettacolare e coinvolgente, che già ci è stata richiesta per progetti legati a punti vendita, all’hospitality e all’ambito corporate, in quanto ben si presta ad attirare l’attenzione delle persone e che, con opportuni studi progettuali, consente al pubblico di interagire in tempo reale con le immagini olografiche. Le applicazioni sono molteplici, a seconda di ciò che viene richiesto dal cliente. In generale, penso che nel prossimo futuro le business strategies in ambito di digital signage dovranno prevedere un’armonica integrazione fra soluzioni tecnologiche e concept di comunicazione sempre più dinamica, coinvolgente e immersiva” (p. 14).

EyeDream 3D sistema proiezione olografica 3D articolo Allestire Allestire, rivista specialistica per gli allestitori, ha dedicato un intero articolo a EyeDream 3D, la nuova tecnologia di visualizzazione olografica tridimensionale che non richiede l’uso degli occhiali 3D. il periodico ha voluto ascoltare direttamente dalla voce dell’Amministratore Unico di Emmegi, le origini e le potenzialità di questo nuovo progetto che è a disposizione di agenzie e aziende per comunicare in modo spettacolare e sorprendente. Ha raccontato Parini: “(…) Il nostro lavoro di ricerca e sviluppo è in continua evoluzione. Lavoriamo quotidianamente per esplorare, inventare e sperimentare nuove possibilità, aprendo così nuove potenziali applicazioni e opportunità” . E ancora: “(…) L’esperienza che abbiamo accumulato in quindici anni nel campo della comunicazione audiovisiva ci ha permesso di guardare alla sfide del futuro con uno spirito proattivo, pronto a cogliere con entusiasmo le opportunità che si presenteranno”.