Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per ottimizzare la tua esperienza online e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le tue preferenze relative ai cookie, autorizzi l’uso dei cookie da parte nostra.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Informativa Privacy e Cookie Continua

Rivista Professionale Audio Video Digital Signage EyeDream 3D EmmegiPer la prima volta il magazine di riferimento dei professionisti e degli appassionati di tecnologia ospita Emmegi e nel numero di aprile, dedicato interamente al Digital Signage, è stato interpellato il suo Amministratore Unico, Mario Parini. L’incontro fra Parini e Chiara Benedettini, Presidente e Editor in Chief di Connessioni, è avvenuto a seguito della curiosità che ha mosso la giornalista ad arrivare fino a Nerviano per scoprire qualcosa di più su EyeDream 3D.

Dallo stupore per questa nuova tecnologia è iniziata una piacevole chiacchierata in cui Parini ha raccontato la lunga storia dell’azienda, che ha invogliato la Benedettini a inserire l’opinione dell’imprenditore fra quelle di altre grandi aziende, al fine di approfondire lo stato attuale del mercato del DS e scandagliarne possibili scenari futuri. Connessioni ha inoltre voluto dedicare uno speciale a EyeDream 3D (pp. 42-43). Dice in merito Parini: “Frutto delle nostre recenti ricerche è Eyedream 3D, un sistema di proiezione olografica che non necessita dell’uso degli appositi occhiali. È una tecnologia altamente spettacolare e coinvolgente, che già ci è stata richiesta per progetti legati a punti vendita, all’hospitality e all’ambito corporate, in quanto ben si presta ad attirare l’attenzione delle persone e che, con opportuni studi progettuali, consente al pubblico di interagire in tempo reale con le immagini olografiche. Le applicazioni sono molteplici, a seconda di ciò che viene richiesto dal cliente. In generale, penso che nel prossimo futuro le business strategies in ambito di digital signage dovranno prevedere un’armonica integrazione fra soluzioni tecnologiche e concept di comunicazione sempre più dinamica, coinvolgente e immersiva” (p. 14).